PCTO SCUOLE SUPERIORI 2

A Scuola di Economia Circolare

Per favorire lo sviluppo di una economia sempre più green e circolare che tuteli il Pianeta è necessario sensibilizzare le nuove generazioni, affinché un domani sappiano pesare e agire in maniera sempre più green.

Greenthesis Group crede nel valore della formazione per questo promuove due corsi di formazione dedicati alle nuove generazioni per diffondere con un approccio pragmatico e innovativo la cultura del sostenibile. I corsi “A scuola di economia circolare” e “A scuola di economia circolare: i rifiuti da scarto a risorsa” sono promossi nell’ambito delle iniziative di Responsabilità Sociale del gruppo in collaborazione con La Fabbrica e WonderWhat – Orientarsi nel futuro, con il Patrocino del Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare e di Confindustria Cisambiente.

“Il presente, ma soprattutto il futuro del nostro Pianeta dipenderà da uno sforzo collettivo per una formazione di qualità delle nuove generazioni – commenta Simona Grossi, Amministratore delegato e Partner di Greenthesis Group nonché a capo delle strategie di Comunicazione Integrata del Gruppo -. Le Imprese, le Istituzioni e la Scuola condividono la responsabilità nel fornire le competenze trasversali che permetteranno di arrivare preparati alle sfide del domani. I numeri del percorso formativo promosso dal nostro Gruppo, 1500 docenti di tutto il territorio nazionale e oltre 100 scuole coinvolte, dimostrano un profondo interesse verso i temi chiave della transizione ecologica: una sfida che potrà essere vinta con l’impegno di tutti”.

Il progetto “A Scuola di Economia Circolare” è stato insignito del marchio “Sodalitas Call for Future”, nell’ambito dell’iniziativa di Fondazione Sodalitas. Il panel scientifico indipendente gestito dalla RUS (Rete delle università per lo Sviluppo Sostenibile) ha selezionato il programma targato Greenthesis come uno degli 8 progetti più meritevoli tra quelli presentati all’interno della categoria Call for Work, con la seguente motivazione: “L’aver immaginato un percorso di formazione per gli insegnanti […] garantisce una significativa ricaduta e propagazione di conoscenza sui vari livelli scolastici. Gli incontri organizzati tra studenti ed esperti del mondo aziendale e universitario hanno fornito una preziosa, quanto rara, occasione di dialogo, confronto e stimolo. Ed infine, il concorso su idee e proposte di economia circolare per il proprio territorio previsto a valle della partecipazione agli incontri da parte di intere classi di studenti, è stato un ottimo stimolo per applicare e verificare subito e concretamente le informazioni acquisite in classe. L’iniziativa persegue ampiamente il raggiungimento dell’Obiettivo 4 dell’Agenda 2030 sulla Quality Education e l’Obiettivo 12 Responsible consumption and production.”

Scuola dell’infanzia

Il “A scuola di economia circolare” è pensato per stimolare e conquistare i bambini delle scuole dell’infanzia con una serie di strumenti progettati per incuriosirli e appassionarli alle tematiche ambientali, favorendo la creazione di un circolo virtuoso tra scuola e famiglia.

I docenti sono supportati nel delicato compito di educare alla sostenibilità con un Kit didattico che li aiuterà ad accompagnare gli studenti nella scoperta di temi e concetti legati alla difesa dell’ambiente e delle risorse.

Scuole secondarie

“A scuola di economia circolare: i rifiuti da scarto a risorsa” è un Percorso per le Competenze Trasversali e l’Orientamento (PCTO) dedicato agli studenti delle scuole secondarie di II grado per far comprende ai giovani, in modo proficuo, cosa sia l’economia circolare e quale sia il suo scopo. Oltre a comprendere i vantaggi e l’importanza di questo modello economico, i ragazzi vengono istruiti e sensibilizzati rispetto alle buone pratiche a tutela del nostro Pianeta e ai cambiamenti che influenzeranno le scelte formative e lavorative

Il programma formativo di 40 ore divise in 5 moduli teorici è una full immersion nel mondo della sostenibilità per comprendere i vantaggi e l’importanza del modello economico circolare. I ragazzi vengono poi istruiti e sensibilizzati rispetto alle buone pratiche a tutela del nostro Pianeta e ai cambiamenti che influenzeranno le scelte formative e lavorative. Previsto anche il rilascio di un certificato che attesta la partecipazione.

“Impreziosisce il corso – spiega Simona Grossi – “il modulo Lavorare con Greenthesis dedicato alla realtà lavorativa nel quale esplorare le carriere aziendali, immergersi nel mondo del lavoro e acquisire le competenze necessarie a entrarvi”.

Il progetto propone anche una serie di iniziative concrete per la divulgazione di due dei 17 Obiettivi di Sviluppo Sostenibile raccolti all’interno dell’Agenda 2020 delle Nazioni Unite (Obiettivo12 – Consumo e Produzione Responsabile e Obiettivo 4 – Educazione Paritaria e di Qualità), al fine di fornire un’occasione di dialogo tra Scuola e Impresa sui temi della salvaguardia dell’ambiente, con un focus sulla corretta gestione dei rifiuti e l’uso consapevole delle risorse.

I moduli formativi:

MODULO 1: L’economia della ciambella

1. Dal PIL alla ciambella

2. Pensare per sistemi

3. Creare per rigenerare: il senso profondo della sfida circolare

4. Eco-design e mindful shopping

MODULO 2: La sostenibilità come competenza

1. Gli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile

2. Focus sugli obiettivi 7, 9, 12 e 13

3. Gli investimenti ESG

4. Attitudine nei confronti del global warming: un’analisi descrittiva della European Social Survey

MODULO 3: I rifiuti: da scarto a risorsa

1. Transizione ecologia: parola d’ordine “complessità”

2. I rifiuti urbani e chi li gestisce

3. Dalla piramide al cerchio: la potenzialità del recupero di materia ed energia

MODULO 4: Innovazione e tecnologia: verso la green economy

1. I green jobs, le competenze dei lavori del futuro

2. Gli elementi di un’economia digitale: come cambia l’economia al tempo della circolarità

3. L’importanza delle soft skill

4. I 10 (+1) green job del futuro

MODULO 5: Lavorare con Greenthesis

1.L’azienda e la sua struttura

2.L’impegno per la sostenibilità di Greenthesis

3. Le figure professionali e i pro

Edizione 2022

Visto il successo della prima edizione del Percorso per le Competenze Trasversali e l’Orientamento (PCTO) de “La Fabbrica”, Greenthesis Group rinnova, in collaborazione con “Wonderwhat”, il suo impegno di formazione verso le nuove generazioni.

I ragazzi sono stati coinvolti in una full immersion nel mondo green chiara, accurata e dinamica. Il corso di 40 ore, fruibile tramite la piattaforma Wonderwhat, ha fornito agli studenti partecipanti gli strumenti per conoscere i fondamenti dell’economia circolare e della trasformazione digitale, rivoluzioni che stanno radicalmente mutando il modo in cui le risorse vengono prodotte e distribuite sul Pianeta

I docenti sono stati supportati da un kit didattico studiato per aiutarli nell’educazione degli alunni alla sostenibilità, alla difesa dell’ambiente e alla creazione di un circolo virtuoso tra casa e famiglia.

Edizione 2021

La prima edizione del corso ideato da Greenthesis ha visto una grande partecipazione: circa 1500 docenti e 1182 studenti delle scuole secondarie dei territori dove opera il gruppo e in particolare di Orbassano (TO), Sant’Urbano (PD) e Dalmine (BG).

Nell’ambito del percorso, gli studenti sono stati invitati a pensare, progettare e proporre idee e comportamenti che rappresentino un incentivo per agevolare il radicamento dei principi dell’economia circolare e in particolare della gestione integrata dei rifiuti nel contesto del proprio territorio. I progetti vincitori sono stati premiati con una somma di 3000€  in materiale digitale per la didattica, prevista anche la possibilità di organizzare un incontro nel proprio istituto per confrontarsi con i rappresentanti di Greenthesis Group: Simona Grossi (Vicepresidente esecutivo Greenthesis S.p.A.), Giovanni Bozzetti (Presidente Ambienthesis S.p.A.), Marco Sperandio (Presidente GEA, Discarica Tattica Regionale di Sant’Urbano) e Giuseppe Farolfi (Direttore Sostenibilità e CSR Greenthesis S.p.A.).

I progetti vincitori:

La 3°A dell’IPSSAR Jacopo Bartolomeo Beccari di Torino ha vinto con il progetto “Niente sprechi”:

negli impianti presenti nell’istituto partendo dagli scarti della produzione di birra sono stati realizzati nuovi prodotti alimentari.

La 4A del Liceo Scientifico G.B. Benedetti di Venezia ha vinto con il progetto “LookAtTheLabel”. Una vera e propria campagna di sensibilizzazione sulle microplastiche che finiscono in mare: per generare maggiore consapevolezza di acquisto hanno rivolto un invito a porre attenzione alle etichette dei capi di moda o agli INCI dei cosmetici. Hanno poi sviluppato l’idea di raccogliere e riutilizzare le microplastiche attraverso filtri che permettono di non ‘lavarle via’, evitando che finiscano nei mari.

Il Gruppo di educazione ambientale dall’ISIS Zenale e Butinone a Treviglio ha vinto con il progetto “Il gioco del domani”. Un libro per bambini tra i 6 e gli 8 anni realizzato interamente con carte riciclata per apprendere divertendosi le basi dell’Economia Circolare. Un viaggio nelle quattro stagioni con attività e lavoretti pratici a tema riciclo da fare a casa con la propria famiglia.

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su email