Cuore in Forma

Cuore InForma quando l’impresa fa welfare territoriale

Nel Comune di Dalmine, lo scorso 26 marzo, si è svolta la presentazione del progetto Cuore InForma, un’iniziativa nata dalla collaborazione tra le istituzioni e le imprese del territorio, tra le quali non potevano mancare REA Dalmine e Greenthesis Group.

Nasce Cuore InForma quando l'impresa fa welfare territoriale
Foto: Un esempio di roll up nelle città che hanno abbracciato l’iniziativa.

Con Cuore InForma è stato dato il via a un nuovo progetto di integrazione tra il network imprenditoriale e il territorio di appartenenza, con le amministrazioni che, impegnate a ricercare nuove risorse per far fronte alla gestione del welfare pubblico, hanno trovato nelle iniziative filantropiche delle società un preziosissimo contributo socioeconomico.

Mentre le grandi aziende hanno già da tempo provveduto alla realizzazione di un vero e proprio welfare aziendale, si sono da qualche anno strette partnership e collaborazioni tra le imprese medio-piccole affinché si possa colmare il gap finanziario dando vita a reti strutturate per un’azione virtuosa sul territorio. L’aggregazione ha facilitato la proliferazione di politiche di welfare in grado, da una parte, di contribuire all’innalzamento della qualità di vita della cittadinanza, rispondendo al principio di responsabilità sociale di impresa tramite una relazione di responsabilità sociale, etica ed economica tra imprese e territorio; e dall’altra di generare un’incredibile attrazione per i rispettivi stakeholders, nonché una maggiore diffusione della cultura del territorio.

Il sempre più frequente “sconfinamento” delle aziende verso una presa in carico della cosa pubblica, attraverso un lavoro sinergico e strategico di collaborazione con le istituzioni locali, rappresenta un vero e proprio salto di qualità per il territorio. Si mette in atto, infatti, un vero e proprio contributo qualitativo, innescando un loop virtuoso capace di generare una crescita dell’intera comunità locale e della sua coesione sociale. “Tutta la popolazione può usufruire di beni e, soprattutto, di servizi migliori, capaci di soddisfarne i bisogni in modo più efficiente. Questo perché le misure di welfare sono erogate a chilometro zero, con maggiori garanzie identitarie e di qualità”, afferma Francesco Bacchini, esperto di Diritto del Lavoro dell’Università Milano-Bicocca.

Progetto cuore in forma


Greenthesis Group fa sua questa visione, integrandola nel suo modo di fare impresa: dopo le iniziative già portate avanti per aumentare la sensibilizzazione nei confronti delle pratiche ecosostenibili di gestione dei rifiuti , abbiamo partecipato e collaborato all’attivazione del Progetto Cuore InForma, aprendo al Comune di Dalmine la possibilità di dotarsi di una serie di defibrillatori semiautomatici per emergenza che saranno reperibili in appositi totem funzionali. Il nostro scopo è di aumentare la sicurezza di tutta la comunità e lanciare un messaggio forte per la salute dei nostri concittadini.

I benefici non sono solo per la collettività, ma anche per le aziende stesse che agendo in maniera virtuosa, hanno l’opportunità di aggregare le proprie risorse economiche, strategiche e relazionali per organizzare e dare attuazione a misure di welfare aziendale in grado di coinvolgere la popolazione del territorio. Si riescono in tal modo ad ottimizzare gli investimenti diminuendo, da un lato, i costi di gestione e aumentando, dall’altro, offerta, qualità e quantità di servizi erogati. Senza dimenticare poi la conseguente ed inevitabile ricaduta positiva in termini di immagine e di reputazione.

Vantaggi per tutti, quindi, con la consapevolezza che una collaborazione tra le parti che agiscono su un determinato territorio contribuisce all’innalzamento della qualità della vita e del lavoro.

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su email