Pfas

Un nuovo impianto da 2,5 milioni di euro per trattare i Pfas e ridurre il percolato

Gestire il percolato in “casa propria”, garantendo la completa eliminazione dei Pfas e soprattutto assicurando il recupero del 90% del liquido, che una volta depurato diventa acqua per l’irrigazione. È quanto possibile grazie all’innovativo impianto di trattamento del percolato avviato l’altro giorno nella discarica tattica regionale di Sant’Urbano.

l nuovo sistema ha richiesto un investimento da parte di Gea srl (gestore della discarica) di 2,5 milioni di euro e risponde alla più recente normativa ambientale regionale, che prevede trattamenti specifici per il percolato – il liquido che risulta dalle infiltrazioni dell’acqua meteorica tra i rifiuti e in parte dal rilascio di acqua dei rifiuti abbancati – soprattutto in relazione allo smaltimento dei Pfas. 

Articolo originale su mattinopadova

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su email